Uso del suolo per l’agricoltura

La metà della terra abitabile del mondo è utilizzata per l'agricoltura. Per gran parte della storia umana, la maggior parte della terra del mondo è stata incontaminata: foreste, praterie e arbusti hanno dominato i suoi paesaggi. Negli ultimi secoli, questo è cambiato radicalmente: gli habitat incontaminati sono stati spremuti trasformandoli in terreni agricoli.

Se torniamo indietro di 1000 anni, meno del 4% della superficie mondiale libera da ghiaccio e non sterile, era utilizzata per l'agricoltura.

I terreni adibiti a pascolo sommati a quelli utilizzati per coltivare colture dedicate all'alimentazione degli animali coprono il 77% della superficie agricola globale. Sebbene questa area occupi la maggior parte dei terreni agricoli del mondo, produce solo il 18% delle calorie mondiali e il 37% delle proteine ​​totali. Si tratta di un’inefficienza innegabile.

In generale, l'uso estensivo del suolo ha un impatto importante sull'ambiente terrestre in quanto riduce la parte di natura selvaggia e minaccia la biodiversità. L'agricoltura per gli allevamenti, in particolare, è coinvolta nella minaccia di 24.000 specie sulle 28.000 valutate a rischio di estinzione.

Per soddisfare le esigenze di una popolazione in rapida crescita, raddoppiata in 50 anni, su un pianeta con risorse territoriali limitate, è essenziale ridurre la nostra impronta territoriale pro capite.

Come?  Innanzitutto, attraverso cambiamenti nella nostra dieta, sostituendo la maggior parte degli alimenti a base animale, con alternative a base vegetale. Questa è la parte sulla quale possiamo agire direttamente: si tratta semplicemente di cambiare le nostre abitudini.

In secondo luogo, riducendo il consumo di prodotti ad alta intensità di consumo di suolo ed aumentando la produttività del terreno è possibile produrre cibo per la popolazione in crescita e ridurre l'impatto sull'ambiente. Attraverso i progressi tecnologici i raccolti sono già aumentati molto: per produrre la stessa quantità di raccolti del 1961, abbiamo bisogno solo del 30% della superficie agricola allora necessaria.

Fonte: FAO

Condividi

Commenta per primo

Rispondi

Iscriviti al blog

Lascia la tua mail per iscriverti al blog e ti avviserò per ogni nuovo post

SENSEARTH è di Omar Livoni
fatto da kappesante nel 2021
menu-circlecross-circle linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram